lunedì 4/10/2010

Eur/usd

Il cross ha una forte spinta rialzista e ciò è supportato anche dall'aggiornamento del posizionamento dei Large su timingcharts.

In questo momento vediamo uno sbilanciamento dei buy sull'euro ed una posizione pressochè neutrale sul dollaro.

E' ormai da metà giugno che si assiste ad una prevalenza netta dei long che ha portato l' eur/usd dal minimo reistrato il 7 giungo 2010 a quota 1,18759 al massimo quotato negli ultimi minuti della sessione del 1 ottobre 2010 a 1,37904.

Noi non ci aspettavamo certo che ci saremmo trovati ad ottobre su questi livelli di prezzo ed è per questo che ti consigliamo di startene con le mani in tasca e di osservare ciò che succede.

Come sai non crediamo nello scalping, ma al contrario operiamo utilizzando il trading di posizione.

Non ci preoccupa il fatto di stare alla finestra ad aspettare che le condizioni di mercato siano quelle che ci consentono di guadagnare con la nostra filosofia.

Ricorda che devi operare solo quando credi che il mercato sia come vuoi tu  e non devi farti attrarre da esso che ti chiama tutti i giorni nell'intento di farti perdere dei soldi.

Non crediamo, nonostante le indicazioni del COT index, che l'eur/usd abbia troppo spazio di salita ed aspettiamo quindi il segnale giusto per ricominciare ad operare.

 

Aud/usd

Il cross è vicino ai massimi storici, che, quindi, possiamo considerare ritestati.

Ci piacerebbe che il massimo di 0,98490 venisse ritoccato, ma questo lo vedremo, perchè a quel punto non ci spaventerebbe cogliere il primo segnale ribassista.

Staremo a vedere cosa succederà...

 

Usd/Jpy

E' ormai tempo di stampare il nuovo minimo storico che è a quota 79,750 e poi, come per il dollaro australiano, saremo li ad aspettare il primo cenno rialzista.

 

Gbp/Usd

Sembra che il cross non abbia la stessa forza dell'euro e del dollaro australiano ed è per questo che, essendo le valute correlate, non diamo troppo affidamento al rialzo avvenuto di eur/usd.

Il massimo del  6 agosto 2010  a livello 1,59973 non è stato ancora rotto e fino a quando non succederà staremo sempre attenti a considerare le altre spinte rialziste fondate su concrete motivazioni economiche.

Sai che consideriamo la sterlina anticipatrice dei movimenti degli altri cross e fino qualche tempo fa è sempre stato così.

 

In generale:

Non consigliamo mai di operare su cross che non siano eur/usd, ma in questo caso facciamo delle eccezioni.

I segnali long e short vogliamo che arrivino quando i prezzi quotano rispettivamente sui minimi e sui massimi.

Non potrebbe essere altrimenti visto che quando entriamo in posizione ci restiamo per un pò di tempo e ci preoccupiamo solo di gestirla al meglio.

I segnali long su eur/usd arrivano in un momento nel quale il prezzo ha già ritracciato circa 2000 pips ed in una visione di insieme oggi siamo più verso i massimi che verso i minimi.

Se il cross non si comporterà come desideriamo lo staremo solo a gurdare in attesa di segnali più sensati ed attendibili.

 


                                                                                               Mr. Forex

 

Scrivi commento

Commenti: 0

entra subito nel VAULT!

APRILO!!

Hanno parlato di noi