lunedì 22/11/2010

Cari trader un'altra settimana è trascorsa tra grafici, quotazioni e notizie economiche.
Il quadro economico come per incanto torna ad essere simile a maggio 2010, quando i mercati hanno mostrato la volontà di scontare decisi le quotazioni già basse di quel momento.
L'europa torna ad essere sotto il mirino.
Notizie di possibili crisi di economie di stati europei, Irlanda e Portogallo, mettono sotto pressione i listini e preparano il terreno all'aumento di volatilità.
Pertanto attenzione!
Dax e S&P500 si scorrelano per poi ricorrelarsi.
Le valute si muovono altalenanti e con movimenti repentini in tutte le direzioni.
L'oro, come porspettato lateralizza sul livello segnalato settimana scorsa.
Cosa aspettarsi allora per le prossime settimane?
Dax ed S&P500 sono ancora all'interno del canale rialzista iniziato a fine agooto 2010.
La borsa tedesca però in questo momento si trova nella parte alta del canale, mentre l'S&P500 ha appena rimbalzato sulla parte bassa dello stesso.
Attenzione pertanto ad un'eventuale rottura della reistenza per il Dax che darebbe un'accelerazione long delle quotazioni.
Lo scenario più probabile è una lateralizzazione del dax tendenzialmente a scendere e un recupero dell'S&P550 anche se non marcato che porterebbe i due listini ad una situazione paritetica in relazione ai rispettivi livelli evidenziati dai grafici daily.
L'oro come anticipato settimana scorsa ha già cominciato la lateralizzazione attorno al livello 1347.
A nostro avviso si potrebbe già parlare di inizio di trend short, confermato dalla rottura del minimo di sttimana scorsa, 1329 e successivamente del livello 1314.
 
EUr/usd
Il trend short per noi continua ed anzi si rafforza.
Questa settimana è stata caratterizzata da un piccolo ritracciamento che ha portato le quotazioni del corss da 1.3446 a 1.3730 per poi chiudere la settimana a 1.3671.
La quotazione non dovrebbe avere grossi spunti rialzisti che sarebbero confermati dalla rottura di 1.3749, ma che a nostro avviso non dovrebbero avere lunga durata.
Molto più importante sarebbe la rottura del minimo a quota 1.3446 che potrebbe dare una brusca accelerazione al ribasso che potrebbe avere come target il raggiungimento di 1.3000.
 
Gbp/usd
E' l'unico cross dove le informazioni che abbiamo sono meno chiare e decisamente in contrasto con le valute correlate.
La cosa più sensata è aspettare di vedere come si comportano le quotazioni del cross e quindi cercheremo conferme dal prezzo.
Il livello più importante da tenere sotto controllo è 1.6043.
Tale prezzo definirà long o short del cross.
Per il momento siamo stotto e l'eventuale rottura di 1.5838 e la successiva a 1.5649 aprirebbe uno scenario ribassista.
La probabilità che il cross si sposti in laterale attorno a 1.6043 c'è, ma la rottura di 1.6094 potrebbe dare un nuovo spunto rialzista.
 
Aud/usd
L'aud sembra entrare definitivamente in un momento short ancora non pienamente confermato dal posizionamento dei capitali, ma dall'andamento dei prezzi si.
La correlazione con eur/usd poi rafforza questa idea.
Questa settimana anceh per questo cross un ritracciamento di tre giorni.
0.9830 è il livello più importante per la prossima settimana.
La rottura decisa di questo livello significherebbe la prosecuzione del ribasso cominciato da quota 1.0182.
Il target di conferma sarebbe la rottura di 0.9651.
 
Jpy/usd
Lo yen dovrebbe necessariamente prendere fiato ritracciando leggermente short, ma medio periodo il cross dovrebbe intraprendere la strada per un trend long.
Aspettiamo di vedere come si comporterà il mercato rispeto al massimo ed al minimo di settimana scorsa per avere chiaro il movmento che ci dovremo aspettare.
Pertanto i prezzi da monitorare sono posti a : 83.77 (rottura di conferma del long) e 82.39 (rottura che confermerebbe un ritracciamento short).
 
 
Per il momento salutiamo e auguriamo una buona settimana di trading a tutti.

Mr. Forex

Scrivi commento

Commenti: 0

entra subito nel VAULT!

APRILO!!

Hanno parlato di noi