Eur.usd: quotazione ingessata, ma quale interesse prevale?

A livello macroeconomico e leggendo i fondamentali delle economie che interessano il cross eur-usd sono emersi recentemente dati significativi che avranno certamente degli effetti sulla quotazione del cross in esame.

 

A febbraio gli USA hanno creato nuovi posti di lavoro a un livello superiore alla media mensile portando la disoccupazione al 7.7%.

 

Tra gli obiettivi del governo americano c'è l'ulteriore abbassamento di questo dato che si mantiene su livelli già bassi e che contribuisce insieme all'aumento delle disponibilità finanziarie delle famiglie americane a mettere la basi per un impulso positivo all'economia di questo stato.

 

Per queste ragioni è possibile ipotizzare nel medio-lungo periodo che il Dollaro vada verso un apprezzamento del suo valore.

 

Guardando all'Europa invece la situazione è all'opposto:

- disoccupazione  a livelli record

- dati sul PIL molto negativi

- sistema politico in stallo, incerto e preoccupante, tutte caratteristiche che porterebbero all'ingovernabilità

- rating italiano abbassato con previsione negativa

 

Tutto ciò ha contribuito ad invertire il posizionamento degli interni sui mercati e a spostare di recente gli interessi verso lo short.

 

Ma vediamo più da vicino i grafici ed analizziamo cosa è successo di recente alla quotazione di eur-usd.

 

 


Dal grafico daily si nota come stiamo vivendo una fase di movimento laterale o di consolidamento che potrebbe portare ad una ripresa del trend short cominciato i primi di Febbraio 2013, non prima di aver recuperato qualche livello interessante.

 

La situazione è confermata anche dal grafico settimanale che mostra un trend marcato al ribasso che ora sembra vivere una fase di correzione.

 

E' possibile mettere in evidenza un supporto a quota 1,2900 ed una resistenza in area 1,3100/1,3140.

L'orange indicator con i suoi tre indicatori continua a dare sgnale di medio termine ribassista su questa coppia.

 

Guardando al Money Action ecco il grafico:

 

 

E' evidente come ci sia stata una franata del movimento ribassista che fino alle settimane scorse aveva mostrato una certa forza.

 

Sono state scricate le posizioni e i capitali sono usciti dal mercato sia dal lato long che da quello short.

 

Probabile a questo punto una pausa della discesa utile per le prese di beneficio e per ricaricare successivamente gli interessi short che faranno ripartire il trend.

 

Io sono

Mr.Forex

Scrivi commento

Commenti: 0

entra subito nel VAULT!

APRILO!!

Hanno parlato di noi